Come i primi mesi di vita determinano la nostra dentatura

Quando le cose procedono bene, i loro effetti si danno per scontati; solo se qualcosa va storto ci rendiamo conto della loro importanza a posteriori.

Succede con tutto, anche con i denti.

Immediatamente dopo la nascita il neonato, attraverso la suzione del latte materno, stimola lo sviluppo dei muscoli facciali e impara a posizionare la lingua correttamente nel palato duro superiore. Questo esercizio permette al bambino di respirare, vocalizzare e deglutire in modo corretto. In fase di svezzamento, il bambino stimola ulteriormente la crescita dento-scheletrica grazie alla masticazione di cibi solidi. I muscoli si rinforzano, la mascella e la mandibola continuano a crescere. Intorno ai 6 anni spuntano i denti permanenti e trovano tutto lo spazio che serve. La corretta crescita dentale e facciale dona a tuo figlio un bel viso e un bel sorriso.

Se “funziona” così, perché abbiamo i denti storti? Cosa è andato “storto”?

Purtroppo in molti casi, piccoli invisibili fattori possono interferire nel processo di crescita compromettendo lo sviluppo dento scheletrico di tuo figlio con conseguenze rilevanti.

L’allattamento con biberon, con tettarelle poco anatomiche, come l’abitudine del ciuccio e la suzione del pollice e il tenere le labbra staccate, impongono una posizione della lingua e delle labbra scorrette. Questo porta la lingua ad assumere una postura scorretta all’interno della bocca che a sua volta influenza la forma e la crescita del palato. Il tuo bambino avrà difficoltà a respirare bene, la posizione della lingua ostacolerà la respirazione e la fonazione, in alcuni casi il bambino russerà e non dormirà bene. Questo lo porta a respirare con la bocca, mantenendo le labbra socchiuse.

Ricordiamoci che:

  • L’aria non filtrata dal naso rende i bambini maggiormente soggetti a infiammazioni delle tonsille, delle adenoidi e alle otiti;
  • La mandibola sempre aperta li porta ad assumere posizioni scorrette con conseguenti problemi posturali;
  • La lingua in una posizione non naturale crea difficoltà di fonazione;
  • L’interferenza con la laringe ostacola la respirazione notturna provocando russamento e apnee notturne che si manifestano anche con stanchezza e sbalzi di umore del
  • Nei casi più gravi le difficoltà respiratorie possono influenzare l’attenzione e l’apprendimento di tuo

Il mancato controllo della crescita dentale e facciale può generare problemi ben più gravi dei denti storti.

L’Ortodontista specializzato è in grado di identificare e intervenire le piccole criticità che possono influire negativamente sullo sviluppo di tuo figlio prima che agiscano. Potrà guidare la crescita per migliorare la respirazione, la fonazione e il riposo notturno e, con gli interventi appropriati, evitare o limitare problemi ortodontici successivi, facendo modo di non sottoporsi a trattamenti più costosi, più invasivi e più lunghi in seguito.

Effettuare la prima visita ortodontica entro i 6 anni di tuo figlio è il modo migliore per evitare problemi in seguito e rassicurarti che tutto sia corretto.

Inoltre, un bel sorriso rende tuo figlio più sicuro di sé, più socievole e rafforza la sua autostima.

Richiedi una consulenza con la Dott.ssa Giovanna Pileggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *